giovedì 1 agosto 2013

HO VISTO FELICI ANCHE AGENTI IMMOBILIARI

Ma cosa sappiamo davvero della felicità? Prendendo alcuni dei ragionamenti di Doopack Choopra,  scopro che recentemente sono state fatte  un sacco di ricerche sulle dinamiche della felicità e da qui si scopre che la maggior parte della gente pensa che se riuscisse a raggiungere i propri obiettivi oppure ad avere buoni rapporti sul lavoro oppure finché restano sani, saranno felici. In realtà è il contrario: se sei una persona felice è perché  possiedi abitudini sane, coltivi relazioni e ti percepisci di successo nella vita. I sociologi descrivono questo stato come la formula della Felicità ovvero: F= M + C + S
  • F sta per la Felicità
  • M sta per Mentalità
  • C sta per le Condizioni di Vita
  • S sta per Scelte Volontarie
"M" sta per Mentalità   il set point nel cervello e si riferisce ai nostri meccanismi che attivano la percezione di ciò che ci accade intorno. Abbiamo tutti un indicatore sul livello di felicità basato sulla nostra visione della vita. Le persone più felici vedono le opportunità, mentre le persone infelici vedono problemi. 
Il set point per la felicità però può essere spostato verso una maggiore felicità attraverso l'auto-riflessione sulle convinzioni limitanti del tipo “non si vende”, “c’è crisi”, “i clienti sono pazzi” e così via in un florilegio di luoghi comuni.  La mentalità infatti determina ben il 50% della nostra esperienza di felicità su base quotidiana. La 'C' nella formula sono le Condizioni di Vita e si riferisce principalmente al successo materiale e la ricchezza personale. Questo fattore determina circa il 12% della vostra esperienza di felicità quotidiana. É bene sapere però che se si vince la lotteria, sarete estremamente felici per alcuni mesi, ma con molta probabilità dopo un anno, tornerete (certamente con più soldi in tasca) al grado di felicità che avevate prima della vincita.
Le Scelte Volontarie rappresentano quelle che facciamo ogni giorno. Scelte fatte per il puro piacere personale portano una felicità transitoria, mentre le scelte altruistiche portano molto più appagamento interiore attraverso scopo e significato. Ad esempio rendendo felici gli altri si ottengono relazioni significative che rendono la felicità molto più permanente.
Quindi, per essere felice, è certamente un bene avere comodità materiali intorno a te, ma questo rappresenterà solo il 12% della tua felicità. Per essere veramente felice è necessario invece espandere la consapevolezza, superare le tue convinzioni auto-limitanti e poi scegliere azioni altruistiche o modi per essere al servizio degli altri.
Quindi secondo Doopack Choopra un agente immobiliare per essere felice deve pensare costantemente in modo da creare un atteggiamento positivo verso il lavoro, deve cercare di ottenere risultati economicamente concreti, pur se piccoli, e fare in modo che questo sia di aiuto ad altre persone.
Tutto questo porta alla vera e duratura felicità unitamente ad esprimere costantemente gratitudine a colleghi, clienti, collaboratori, familiari, conoscenti e quanti altri fanno parte integrante del nostro vivere quotidiano
Adesso ho finalmente capito perché tanti colleghi, a prescindere dai risultati, sono costantemente infelici.
Buone vendite a tutti                Luca Gramaccioni


Ps. Il blog torna a Settembre: Buone vacanze!
Posta un commento