mercoledì 1 settembre 2010

Conta l'esperienza in aula?

Come scegliere un buon corso e un ottimo formatore? 
E’ buona norma effettuare un'analisi dei corsi che si ha intenzione di frequentare, non solo sotto il profilo soggettivo come la popolarità del formatore, ma anche tenendo conto di alcuni aspetti oggettivi. 
Per meglio rendere l'idea utilizziamo una metafora:
Si racconta club femminile, che aveva urgentemente bisogno, per un’importante e improvviso incontro, di un cappellino per signora esclusivo e molto elegante. 
Tra le signore del club era presente  una nota modista che, rapidamente, confezionò un magnifico cappellino partendo da un semplice rotolo di nastro.
Le signore del club, vedendolo, rimasero estasiate: era veramente un capolavoro! 
Alla richiesta del costo, la modista rispose che costava 100 Euro. Al che, tutte in coro stupite, le esclamarono: ”100 Euro per un rotolo di nastro?”
Udendo ciò, la famosa modista srotolò il nastro, disfacendo completamente il cappellino e, consegnando il nastro stesso alle signore, replicò:  "Questo nastro è gratuito, i 100 Euro sono per il know how”
Quindi, è bene sapere che il know how del docente è un elemento importante, nei corsi formazione ed è preferibile che il formatore sia esso stesso un "testimonial" delle cose che insegnaIn aggiunta alcuni punti andrebbero verificati prima di procedere alla scelta del corso e quindi all’acquisto perchè che spesso sono indicatori di un elevato know how e di una solida esperienza. 
Un buon formatore ad esempio effettua sempre un'analisi dei bisogni formativi, che fosse anche semplicemente con una accurata intervista. Una volta compresi i bisogni, progetta un corso che è essenzialmente composto dai passaggi necessari ad informare ed a fornire gli strumenti per risolvere i problemi emersi dall'Analisi dei bisogni. Difficilmente però un corso (magari di 1 solo giorno) riesce ad essere particolarmente incisivo. Per questo motivo un buon formatore effettua sempre un follow up ovvero un conrollo/verifica delle competenze insegnate.
Inoltre se esperto adotta in aula metodologie che coinvolgano e motivino i partecipanti perchè fondamentalmente il bravo formatore non lavora  solo sul livello del "sapere", ma anche su quello del "saper fare" e del "saper essere".
Buone vendite a tutti
Luca Gramaccioni
Se desideri ulteriori informazioni o suggerimenti oppure vuoi scambiare opinioni sul mondo della formazione per gli operatori immobiliari, contattami direttamente su gramaccioni@formazioneprofessionisti.com
Posta un commento