lunedì 11 aprile 2011

Ci sei tu nella quarta regola d'oro?

Ecco un articolo di idealista.it con consigli rivolti ai venditori privati dove finalmente si inzia a considerare la categoria qualificata ed utile: i pregiudizi sono duri a morire e, grazie al cielo, il tempo è sempre galantuomo......   
In primavera, l'epoca tradizionalmente più attiva per la compravendita di un immobile, il portale immobiliare zillow.com segnala quali sono le regole del gioco che sono cambiate negli negli ultimi anni, e dà le 4 regole d'oro su cui si basava una volta il mercato immobiliare, in confronto con quelle attuali
Regola  del passato: non comprare adesso, i prezzi delle case scenderanno ancora
Regola 1: non è facile e poco probabile riuscire a comprare esattamente quando i prezzi di mercato sono i più bassi. neppure gli esperti riescono a mettersi d'accordo su quando arriverà questo momento. anche se in molti sottolineano che il 2011 sarà l'anno della ripresa dei prezzi, c'è anche da dire che sono sempre di più i proprietari che applicano degli sconti pur di vendere la propria casa, inoltre anche i tassi d'interesse non sono più al minimo storico, visto che l'euribor ha appena segnato il valore più alto, e che a detta di molti continuerá a salire
per questo, la cosa migliore è cercare di negoziare bene il prezzo adesso cercando di ottenere la casa al valore che avrà nei prossimi mesi o anni. in questo modo si riuscirà a comprare adesso ad un buon prezzo e si potrà approfittare dei tassi di interesse attuali, prima che continuino ad aumentare ancora di più
Regola  del passato: non bisogna spendere più di un terzo del reddito per il mutuo
Regola 2: ancora meno! chi ha comprato tra il 2000 e il 2007 sapeva che la propria casa aumentava continuamente di valore e quindi certi sacrifici erano ricompensati dal capital gain
ma chi compra adesso deve aspettarsi un mercato immobiliare, in termini di rivalitazioni, piatto er alcuni anni, perché la crisi economica non permetterà un andamento diverso. un 25% del proprio reddito investito nella casa, ossia un quarto, è già abbastanza
Regola del passato: al momento di vendere il quartiere è tutto
Regola 3: il mercato immobiliare è sempre più frammentato e anche all'interno dello stesso quartiere non tutti le case competono allo stesso modo. l'offerta è abbondante e chi compra può scegliere: anche nella migliore strada della tua città un pian terreno da ristrutturare non ha le stesse possibilità degli anni d'oro. i cartelli "vendesi " sono tanti, gli acquirenti possono essere più selettivi. chi ha in vendita una casa con dei "problemi", deve prenderne atto e scordarsi di quanto gli è costata, se ha fretta di vendere
Regola  del passato: evitare le agenzia immobiliari
Regola 4: per molti anni l'idea di comprare attraverso agenzia era considerata semplicemente una spesa inutile. tuttavia le stesse condizioni del mercato hanno selezionato le agenzie migliori, che, dal canto loro, se vogliono sopravvivere devono sapere fare gli interessi sia degli acquirenti che dei venditori. i tempi di vendita si allungano per mancanza di accordi: è il momento di fidarsi delle buone agenzie, che sanno perfettamente come stanno le cose

fonte: idealista.it
Posta un commento